La conoscenza al centro della scena

"La conoscenza costruisce il futuro", questo diremo venerdì 19 ottobre a Roma in piazza S. Giovanni. Senza istruzione e formazione ai giovani sono precluse opportunità e chance per organizzarsi la vita. Leggi il programma.

Da anni la scuola e l'università sono i bancomat per coprire il debito pubblico. Bisogna cambiare musica. E lo diremo anche in musica, con l'aiuto di artisti come Fiorella Mannoia, Max Paiella, L'Orchestraccia, Noemi, I Serissimi. Conosci gli artisti?
Lo diremo con i segni graffianti della matita di Sergio Staino, con l'ironia di Serena Dandini e Dario Vergassola.
Diremo che bisogna cambiare la politica sull'istruzione, sulla ricerca, sul lavoro con le voci di Susanna Camusso e Domenico Pantaleo.

Venerdì 19 ottobre dalle 18.30 in poi la conoscenza sarà al centro della scena con tanti linguaggi che testimonieranno la realtà e le attese, le esperienze e le speranze.
Condotti per mano da Dandini e Vergassola animeranno la serata tanti ospiti, conosciuti e non. Saranno con noi il giornalista Luca Telese; due ricercatori, Francesco Sylos Labini e Barbara Sciascia, perché senza ricerca non c'è sviluppo; i volontari del progetto "Insieme la scuola non crolla" che hanno lavorato tutta l'estate con i bambini delle zone terremotate dell'Emilia e della Lombardia, gli studenti e le loro associazioni.

Grazie alla collaborazione di RadioArticolo1, l'evento verrà ripreso in diretta video e trasmesso in streaming su www.radioarticolo1.it e www.ricostruiamolitalia.it. Seguici on-line anche tu su questi siti o dal nostro profilo Facebook.

"La conoscenza incontra il futuro" troverete scritto sul palco, perché la FLC CGIL, il sindacato di chi lavora nella scuola, nell'università, nella ricerca e nell'alta formazione artistica e musicale, lo sostiene da sempre: è anche con la cultura che si crea ricchezza e si esce dalle crisi.